CENTINAIA DI PRODOTTI
IN PRONTA CONSEGNA
 
EVENTUALE INSTALLAZIONE
O RITIRO USATO
 
POSSIBILITA' DI AGGIUNGERE
3+ GARANZIA AGGIUNTIVA
 
PROMOZIONI E SCONTI
SU CENTINAIA DI PRODOTTI
 
PAGAMENTI SICURI CON
CERTIFICATO SSL
 
ASSISTENZA CLIENTI
SEMPRE DISPONIBILE
 
RESO E DIRITTO DI RECESSO
FACILE E IMMEDIATO

Bonus mobili 2021: cos'è, chi può richiederlo e come ottenerlo

Bonus mobili 2021: cos??, chi pu? richiederlo e come ottenerlo
03 febbraio 2021 138 visualizzazioni 4 min di lettura

Bonus mobili 2021: cos'è, chi può richiederlo e come ottenerlo

Nella nuova Legge di Bilancio è stato confermato il Bonus Mobili anche per il 2021, vale a dire la detrazione del 50% per arredi ed elettrodomestici, con alcune modifiche rispetto all’anno precedente.

Cos’è il Bonus mobili 2021

Se devi arredare casa, devi sapere che puoi cogliere l’opportunità di approfittare di alcuni incentivi, a patto che tu possieda tutti i requisiti.

Il Bonus mobili 2021 è un’agevolazione che può essere richiesta per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici fino a un importo massimo di 16.000 euro (e qui sta una delle principali novità di quest’anno, che vedremo più avanti nel dettaglio).

Più precisamente, il Bonus Mobili consiste nella detrazione IRPEF del 50% che viene accordata ai contribuenti sulle spese sostenute per acquistare arredi ed elettrodomestici in immobili soggetti a ristrutturazione edilizia dal 1° gennaio 2020.

Chi può richiedere il Bonus Mobili 2021

Il requisito chiave per richiedere il Bonus Mobili è perciò sempre lo stesso: può richiederlo solo chi effettua lavori di ristrutturazione dell’immobile, per cui possiamo dire che è a corredo del bonus ristrutturazione.

Perché la richiesta sia valida è inoltre necessario che la data di inizio dei lavori di ristrutturazione sia precedente a quella dell’acquisto dei mobili o degli elettrodomestici. 

Quindi puoi chiedere il Bonus Mobili solo se cambi gli arredi e/o gli elettrodomestici di un immobile ristrutturato.

I mobili e gli elettrodomestici oggetto della detrazione sono:

- Mobili e arredi nuovi: arredi di cucina, soggiorno, camere da letto e bagni. Sono esclusi i mobili di antiquariato e i sanitari dei bagni.
- Elettrodomestici bianchi: tutti gli elettrodomestici in classe A+ (lavatrici, frigoriferi, lavastoviglie, congelatori, asciugatrici, stufe, condizionatori, ecc.); i forni devono invece appartenere alla classe energetica uguale o superiore ad A.
- Complementi di arredo: rientrano nella detrazione anche tutti i complementi d’illuminazione, a esclusione degli elementi antichi e di antiquariato.

Elenco delle spese detraibili

La novità sta nell’aumento del tetto massimo di spesa, che prima era fissato a 10.000 euro, il Bonus Mobili 2021 viene quantificato su una spesa complessiva non superiore a 16.000 euro

L’importo di 16.000 euro è riferito a ciascuna unità oggetto di ristrutturazione, per cui se si eseguono lavori su diversi immobili, si ha diritto a più bonus.

Per quanto riguarda i lavori che vengono riconosciuti ai fini dell’ottenimento del Bonus Mobili, troviamo:

- manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti (non valgono la tinteggiatura di pareti, la - sostituzione di pavimenti o di sanitari);
- ripristino di immobile danneggiato da calamità naturali;
- restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia di interi fabbricati;
- manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, ristrutturazione, restauro e risanamento conservativo su parti del condominio.


Come richiedere il Bonus Mobili 2021

Per beneficiare del Bonus Mobili 2021 e avere diritto alla detrazione del 50% della spesa sostenuta in 10 rate, bisogna inserire tali spese nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Unico). Il bonus verrà riconosciuto nella forma di rimborso fiscale Irpef.

Per riuscire però a ottenere la detrazione, è necessario che i pagamenti siano stati effettuati con bonifico (bancario o postale), carta di credito o carta di debito. Tutti gli altri metodi di pagamento, compresi i contanti, non sono validi ai fini dell’ottenimento del bonus.

Per richiedere il Bonus Mobili 2021 bisogna effettuare obbligatoriamente comunicazione all'ENEA, per poter beneficiare delle detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica, e presentare i seguenti documenti: 

- ricevuta del bonifico;
- ricevuta di avvenuta transazione; 
- documentazione di addebito sul conto corrente;
- fatture di acquisto dei beni.

Bonus Mobili 2021: le domade frequenti

  • Il bonus mobili rientra nel 110?

    No, il bonus mobili non è compatibile con il Superbonus 110% perché bisogna sottolineare che i lavori di efficientamento energetico non rientrano nei lavori di ristrutturazione edilizia.  

 

  •  Posso scaricare anche le spese di trasporto e montaggio?Oltre alle spese per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, è possibile portare in detrazione anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati.

  •  Posso utilizzare la detrazione anche con lo sconto in fattura e con la cessione del credito?

    No, non è possibile utilizzare la detrazione con lo sconto in fattura e con la cessione del credito. 

  • Posso usufruire del bonus elettrodomestici senza effettuare ristrutturazione?

    No, non è possibile usufruire del bonus.

 

Previous articolo:
Next articolo: